SEZIONE ARCHEOLOGICA MUSEO CIVICO


Informazioni di base

Categoria Mostre
Comune Fucecchio (FI)
Regione Toscana
Indirizzo Piazza V. Veneto 27
Telefono 0571268262
Sito Web Collegati
Email [javascript protected email address]
Ospitata nelle sale del piano terra di Palazzo Corsini, la sezione archeologica è ordinata secondo criteri didattici ed illustra aspetti del popolamento e della storia degli insediamenti del territorio di Fucecchio e delle aree contigue attraverso materiali databili tra il Paleolitico inferiore e il XVIII secolo, raccolti nel corso di ricerche archeologiche di superficie e scavi. Dopo un'introduzione sull'aspetto del territorio e le faune marine e continentali plioceniche e villafranchiane, sono esposti i reperti paleolitici e mesolitici proveniente dalle Cerbaie. La presenza dei primi abitati stabili di agricoltori e allevatori del Neolitico e delle età dei metalli è poi documentata da ceramiche, industrie litiche e metalli, tra cui rivestono particolare interesse i materiali del villaggio dell'età del Bronzo (intorno al 1500 a.C.) di Stabbia. L'ampio arco cronologico corrispondente all'età etrusca e romana è purtroppo quello meno documentato. In età imperiale, oltre alle tracce di centuriazioni e di insediamenti rurali, alcuni dati epigrafici concentrati presso Ponte a Cappiano indicano l'esistenza di un centro abitato più consistente, tra cui l'epigrafe funeraria di Tiberius Iulius Ianuarius e un'ara votiva in marmo. Segue la documentazione archeologica del territorio tra età feudale e comunale, consistente in reperti originali e ricostruzioni in scala, basate su dati archeologici, di strutture militari e civili. Tra i temi trattati figurano il castello di Salamarzana dei conti Cadolingi, l'abitato sparso alto e bassomedievale, la viabilità e la rete ospedaliera, i caratteri delle strutture difensive e civili del centro comunale, la circolazione di manufatti (ceramiche, laterizi, metalli, elementi lapidei, vetri e legni) e l'alimentazione. L'ultima sala è infine dedicata ad alcuni aspetti delle produzioni locali tra Medioevo e Età moderna, tra cui i laterizi che decoravano l'edilizia religiosa e civile tra il XII e il XIV secolo, l'attività tra il XVI e il XVIII secolo delle fornaci di ceramiche graffite e i mulini tardomedievali, documentati dal grande ingranaggio in legno di un mulino sull'Arno.